Consiglio Pastorale

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Il Consiglio pastorale è un istituto previsto dal Codice di diritto canonico (CIC) della Chiesa cattolica. Suo scopo è quello di esprimere concretamente la natura comunionale della chiesa, e di permettere quindi la partecipazione dei fedeli, attraverso l’esercizio del proprio sacerdozio battesimale, allo svolgimento e alla programmazione della vita pastorale della Chiesa.

 La parrocchia si definisce come comunità di fedeli: per essere comunità vera, deve esprimere degli strumenti e dei luoghi di corresponsabilità, che permettano ai fedeli di partecipare effettivamente alla sua missione.

A questo scopo è previsto il Consiglio Pastorale Parrocchiale, definito dalle parole del canone 536 del CIC: “Se risulta opportuno a giudizio del Vescovo diocesano, dopo aver sentito il consiglio presbiterale, in ogni parrocchia venga costituito il consiglio pastorale, che è presieduto dal parroco e nel quale i fedeli, insieme con coloro che partecipano alla cura pastorale della parrocchia in forza del proprio ufficio, prestano il loro aiuto nel promuovere l’attività pastorale. Il consiglio pastorale ha solamente voto consultivo ed è retto dalle norme stabilite dal Vescovo diocesano”.

Composizione

Sono membri di diritto del CPP i presbiteri, i diaconi, e i religiosi che prestano servizio nella parrocchia. Ma la sua componente maggioritaria è normalmente rappresentata dai laici. Essi costituiscono uno specchio fedele del tessuto umano della parrocchia (per età, sesso, condizione sociale); normalmente rappresentano tutte le realtà, gruppi, movimenti ecc. eventualmente presenti in parrocchia. Il numero di questi membri laici e la modalità da seguire per la loro designazione vanno definiti nei regolamenti particolari (statuto del Consiglio Parrocchiale Pastorale): una parte viene eletta da tutti i parrocchiani, e una parte entra nel consiglio in rappresentanza dei vari gruppi che animano la vita parrocchiale.

Composizione del Consiglio Pastorale Parrocchiale di Sant’Erasmo

Ambiti di intervento

Compito del Consiglio Parrocchiale pastorale è di essere il luogo del discernimento comunitario per la progettazione e promozione dell’attività pastorale della parrocchia: ricercare, discutere e presentare proposte concrete per le sue attività; programmarne le iniziative; favorire il coordinamento tra le varie realtà esistenti, verificare il cammino comunitario svolto. È uno strumento diretto stimolare la partecipazione dei fedeli, per coinvolgerli in modo responsabile.